Prestiti per giovani a Teramo: migliori offerte di Ottobre 2021

Indice dei contenuti

I giovani spesso vivono una fame con il quale si vuole portare avanti un emancipazione dal punto di vista economico e sociale, trovarsi un lavoro, un reddito proprio e andare a vivere in una casa da soli e non più dipendenti dalla propria famiglia.
Proprio questa fame porta spesso i giovani a prendersi anche dei rischi, richiedendo prestiti e all’occorrenza effettuando degli investimenti.

Tuttavia il mondo della finanza è un mondo complicato che richiede una certa consapevolezza e capacità di informarsi, infatti i giovani spesso rischiano di prendere delle decisioni piuttosto inconsapevoli. Per questo vi invitiamo a non limitarvi alla lettura di questa mini guida, quanto piuttosto allargare i vostri orizzonti e iniziare una vera e propria ricerca capillarizzata. Internet può offrire molti vantaggi da questo punto di vista.

Essendo un tema molto delicato, ci teniamo sempre ad offrire degli accorgimenti, ossia in primis di prestare particolare attenzione, prendere appunti perché aumenta notevolmente la soglia dell’attenzione e soprattutto, laddove si maturi una certa consapevolezza e abbastanza informazioni per tenere una determinata conservazione, consultare un professionista, quale un commercialista o un avvocato, anche per una mera consulenza.

Le opportunità che offre la Regione Abruzzo

La provincia di Teramo è compresa all’interno della Regione d’Abruzzo, quest’ultima viene compresa tra le Regioni che godono del finanziamento Resto al Sud.

Finanziamento resto al sud:

Questo tipo di finanziamento è molto importante perché si esplica nella possibilità di ottenere 200 mila euro per la costituzione di nuove imprese che operano nel campo dell’Industria e dell’Artigianato, del turismo e dei servizi.

Nel caso in cui invece si volesse avviare un’attività di ditta individuale, il finanziamento è di massimo 50 mila euro.

Requisiti:

  • Avere meno di 46 anni
  • Risiedere all’interno di una Regione del mezzogiorno (compreso l’Abruzzo)
  • Si può avere un lavoro ma nel caso in cui si risultasse vincitore del finanziamento, lo si deve abbandonare.

Quali attività sono comprese nel finanziamento?

Come detto sopra i campi di applicazione sono piuttosto generici, andando nello specifico le attività finanziabili con cui si può presentare la richiesta sono la ristorazione e i bar, le attività di turismo, quali case vacanze, alberghi, studi di produzione video e audio, studi fotografici, assistenza di tipo medica, servizi delle persone (come biblioteche, asili nido e tanto altro)

Mentre sono escluse le attività immobiliari, il commercio, l’agricoltura e la pesca, l’impresa familiare.

Come si esplica il prestito?

Il prestito si esplica nel seguente modo:

  • il 50% del prestito è a fondo perduto e quindi non va restituito
  • il restante 50% è un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. (Gli interessi sono coperti da un contributo esterno)
Articolo precedenteRagusa
Articolo successivoTreviso
Avatar
Sono uno studente laureando in Giurisprudenza, la cui passione per la scrittura mi accompagna sin dal liceo. Sono dirigente di due associazioni, la prima studentesca, la seconda socio-culturale. Mi impegno quotidianamente per migliorarmi e sono aperto a nuove esperienze che mi permettano di crescere, sia professionalmente che come persona. Da tempo sto maturando un progetto personale di accantonamento delle proprie entrate a fini previdenziali, creando dei fondi di risparmio da reinvestire nel mercato azionario.